Migrare al Cloud? Sì, ma mettendo i lavoratori al centro del cambiamento

È il Cloud Computing a guidare il processo di trasformazione digitale nelle aziende italiane. Sempre più imprese – non solo le grandi ma anche le PMI – stanno scegliendo la nuvola per ottimizzare le risorse IT e incrementare la competitività dell’organizzazione. La conferma arriva dai numeri, con il mercato del Cloud capace di espandersi di anno in anno e sempre più velocemente.

Eppure, la migrazione non è immediata. Come riporta Google in un White Paper dal titolo “Managing Change in the Cloud”, le sfide da affrontare sono difficili e necessitano di una programmazione solida.

Quando si parla di passare al Cloud, l’errore compiuto da molte aziende è il considerare solamente il cambiamento tecnologico che questo impone. In realtà, la prima trasformazione è culturale e riguarda i nuclei più radicati e profondi dell’organizzazione, quei paradigmi essenziali e costitutivi espressi da coloro i quali rappresentano l’azienda stessa: le persone.

È a partire dagli individui, suggerisce Google, che dovrebbe prendere avvio ogni processo di adozione al Cloud. Al contrario, nella maggior parte dei casi i risultati si valutano esclusivamente sulle tecnologie e sui processi, senza prendere in esame la risposta dei collaboratori. Un assurdo, questo, se si tiene conto che i vantaggi apportati dalla nuvola riguardano in primo luogo l’efficienza e la produttività dei lavoratori e, di riflesso, dell’impresa.

Ma cosa significa far diventare le persone il nucleo decisivo di qualsiasi iniziativa di cambiamento?

  • Coinvolgere nell’implementazione del Cloud tutte le figure professionali interessate;

  • Formare i collaboratori in materia e fargli acquisire le nuove competenze ancor prima di doverle utilizzare concretamente;

  • Incrementare le competenze aziendali con l’introduzione di nuove figure specializzate nelle varie attività che concernono l’architettura, la sicurezza, la gestione sistemistica e tutto ciò che riguarda il Cloud;

  • Creare un piano di comunicazione che spieghi i vantaggi del Cloud e i benefici che i vari collaboratori possono trarne;

  • Sostenere i lavoratori durante il cambiamento, accoglierne le difficoltà e dargli la possibilità di condividere i propri suggerimenti per migliorarne l’utilizzo.

Solo in questo modo, la strategia di Cloud potrà risultare vincente per l’organizzazione e dare i risultati preventivati in termini di flessibilità, efficienza e valore strategico.

UTILIZZO DEI COOKIES: Utilizziamo cookie analitici e di advertising di terza parte per analizzare la navigazione degli utenti sul sito. Per acconsentire all’utilizzo dei cookie clicca sul pulsante Accetto. Per avere maggiori informazioni e negare l’installazione dei cookie, consulta la nostra Privacy Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi