Anthos: la soluzione multi-cloud di Google

La più grande novità, presentata al Google Cloud Next ’19 di San Francisco, è Anthos: una piattaforma ibrida e multi-cloud completamente nuova.

Durante l’evento, il Vice President of Engineering di Google Eyal Manor ha dichiarato che “l’80% dei workloads non sono ancora in cloud. Le aziende hanno il timore di rimanere bloccati investendo tutto su un singolo cloud. Ma la realtà è che gestire più piattaforme senza un piano strategico è molto complesso e rischioso”

Da oggi, Anthos permetterà di eseguire le applicazioni ovunque e in tutta semplicità e sicurezza, su hardware esistente, mantenendo così gli investimenti, o su cloud concorrenti come AWS e Microsoft Azure, il tutto con un’unica interfaccia in grado di far dialogare tra loro i cloud senza dover effettuare alcuna modifica.

Sfruttando le API open source, Anthos ti permetterà di modernizzare le tue applicazioni on-permise o nel cloud e renderà più facile svilupparne di nuove. Con l’utilizzo dei servizi Kubernetes gestiti da Google riceverai in automatico tutti gli aggiornamenti.

“Ti consente di scrivere una volta e di eseguire i tuoi lavori ovunque”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Google Sundar Pichai, citando un vecchio slogan di Sun Microsystems.

Con l’occasione, è stata anche annunciata la versione beta di Anthos Migrate; una funzionalità che permetterà la migrazione automatica di macchine virtuali, da locali o altri cloud, direttamente nei container Kubernetes.

Per maggiori informazioni o per un preventivo gratuito, scrivici alla sezione Contatti >>

UTILIZZO DEI COOKIES
Utilizziamo cookie analitici e di advertising di terza parte per analizzare la navigazione degli utenti sul sito. Per acconsentire all’utilizzo dei cookie clicca sul pulsante Accetto. Per avere maggiori informazioni e negare l’installazione dei cookie, consulta la nostra Privacy Policy e la nostra Cookie Policy.

Chiudi